Seguici su:

IN CATENE PER CRISTO

Diari di martiri nella Cina di Mao di Gerolamo Fazzini, Emi 2015

Nel libro vengono presentate quattro testimonianze autobiografiche tramite le quali si può conoscere l’immane violenza del Grande Timoniere contro la Chiesa cattolica e le altre religioni. Dentro tale situazione fatta di processi-farsa, violazioni dei diritti umani, torture e uccisioni, risaltano anche l’eccezionale tenacia e l’intrepido coraggio di queste vittime di feroci persecuzioni

1 aprile 1951: Gaetano Pollio, arcivescovo di Keifeng, nella Cina centrale, viene arrestato perché «controrivoluzionario». Accadrà lo stesso, negli anni successivi, agli altri tre protagonisti di questo libro: un documento eccezionale sul maoismo, scritto da testimoni diretti che hanno subìto lunghi anni di prigionia nei laogai. Considerati pericolosi «nemici del popolo» solo perché cristiani. La violenza del comunismo maoista contro il cristianesimo è una pagina di storia troppo a lungo dimenticata. Queste voci costituiscono una testimonianza di fede preziosa ancor oggi.
«I martiri della Chiesa di Cina appartengono all’intera cristianità. È nostro dovere presentare le loro testimonianze perché alimentino la fede dei cristiani di tutto il mondo»
Cardinale Joseph Zen Ze-kiun, vescovo emerito di Hong Kong

«Questo libro vince il silenzio sulla persecuzione anticristiana in Cina nel periodo del maoismo. Penso che aiuterà a non tacere anche sulle persecuzioni attuali»
Bernardo Cervellera, direttore di AsiaNews

Gerolamo Fazzini (Verona, 1962), giornalista e scrittore, è editorialista di Avvenire e collaboratore di Vatican Insider. Consulente di direzione per Credere e Jesus, per 12 anni ha diretto il mensile del Pime Mondo e Missione. È autore di vari libri, fra cui Lo scandalo del martirio (Ancora), Cattolici in Cina (con A. Lazzarotto, San Paolo) e Scritte con il sangue. Vita e parole di testimoni della fede del XX e XXI secolo (San Paolo).
Ha curato Il libro rosso dei martiri cinesi (San Paolo), tradotto in inglese, francese, spagnolo e polacco.