Mostre

Mostre


Mostra Migranti

La mostra che il Meeting dedica al tema dei migranti offre uno sguardo curioso e appassionato al destino di milioni di persone che prova ad immedesimarsi nella loro umanità che deve far i conti con lingue, culture e situazioni nuove. Propone l’argomento non anzitutto come un “problema” o dando una ricetta, ma guardando negli occhi gli uomini e le donne che emigrano. Chi è quell’”altro” che bussa alle porte delle nostre società, da quali terre arriva, perché ha deciso di lasciarle per venire dalle nostre parti? Sono le domande con cui la mostra prova a confrontarsi .


Continua a leggere...

Meeting Mostre 2016

19/09/2016 Le mostre del Meeting 2016 sono disponibili in formato itinerante per essere noleggiate. Proporre, nella propria città, una mostra del Meeting è un'occasione che crea inaspettatamente rapporti: tante sono le testimonianza di chi ha scoperto un vero terreno di dialogo, di apertura e confronto.
Ecco l'elenco completo della mostre che saranno in formato itinerante e che possono già essere prenotate.

Continua a leggere...

Meeting Mostre: Una nuova formula

Ogni anno la Fondazione Meeting per l'amicizia tra i popoli di Rimini realizza e ospita delle mostre che toccano varie tematiche, curate da professionisti ed esperti in collaborazione con studenti universitari italiani e stranieri. Come poter utilizzare al meglio questo patrimonio che abbiamo a disposizione per la nostra attività culturale?. AIC propone di far diventare una mostra il contenuto, il tema, il percorso e la scoperta di una singola serata o di più serate nela programmazione dei nostri centri culturali. Il sito di Meeting Mostre (www.meetingmostre.com) offre un vasto catalogo da cui scegliere il tema e l'argomento su cui impostare una serata.

Continua a leggere...

MeetingMostre per l'Anno della Misericordia

Il giorno 08 dicembre 2015 Papa Francesco aprirà la Porta Santa nel cinquantesimo anniversario della conclusione del Concilio Ecumenico Vaticano II proclamando il Giubileo Straordinario della Misericordia. Un Anno Santo perché appaia in maniera più evidente che il dono della misericordia è l'annuncio che la Chiesa è chiamata a trasmettere nella sua opera di evangelizzazione in questo tempo di grandi cambiamenti. (Discorso di papa Francesco ai partecipanti alla Plenaria del Pontificio consiglio per la promozione della Nuova Evangelizzazione (29 maggio 2015). Tra le varie proposte Culturali per l'Anno della Misericordia per il network dei centri culturali associati AIC che si andranno delineando MeetingMostre segnala alcune mostre che hanno una profonda attinenza rispetto al tema della misericordia.

Continua a leggere...

Mostre Meeting: Abramo

La mostra del Meeting 2015 è disponibile in versione itinerante

Da una parte un mondo in frantumi, nel quale i volti degli uomini si sgretolano in una folla anonima e disperata. Dall’altra la possibilità e l’attesa che quegli stessi volti tornino a costituirsi in comunità, a costruire un edificio che salga verso il cielo senza più sfidarlo. È l’ultimo pannello della mostra “Abramo, la nascita dell’io”, la mostra più visitata dell’ultimo Meeting, disponibile, da oggi in formato itinerante.
Don Ignacio Carbajosa, curatore della mostra presentando l’esposizione ha detto: «È con Abramo che tutto comincia, con la sua accettazione della chiamata. Soltanto l’apertura al Tu di Dio che si fa vivo nel reale rende possibile la nascita dell’io.

Continua a leggere...

Mostra: “L’Eredità di Cirillo e Metodio”

La vicenda storica e spirituale di Cirillo e Metodio, fratelli, greci nativi di Tessalonica è espressiva della concretezza e dell'universalità vissuta in una situazione storica ben precisa. D'altro canto, l'odierna situazione di conflittualità fra etnie e culture e la crisi in cui versa la stessa identità europea, rendono le loro figure straordinariamente attuali. La proclamazione di Cirillo e Metodio compatroni d'Europa, da parte di Giovanni Paolo II, affermando una più vasta unità del continente e dilatandone i confini fino ad includervi le popolazioni delle regioni orientali, ha gratificato anche la presenza al suo interno di una duplicità di matrici e di eredità culturale: quella occidentale e quella orientale.

Continua a leggere...

Mostra fotografica Momenti di dignità

Momenti di dignità. E' la Mostra fotografica di Joseph Weiler presentata per la prima volta al Meeting di Rimini 2015. Le foto del prof. Joseph Weiler dicono della condizione dell’uomo. Una condizione complessa e profonda. Con la sua fotografia, cerca di catturare, attraverso l’obbiettivo, quel momento di dignità che, al di là della parola, al di là del sorriso, al di là dello sguardo della mente, penetra e indica l’essenzialità della condizione umana, fatta a immagine e somiglianza di Dio. Da una parte, nella dignità siamo tutti uguali, il re e il suo servo, e allo stesso tempo siamo tutti unici, abbiamo tutti la nostra unicità, che dà l’identità specifica a ogni persona. In questa mostra vedrete il tentativo di catturare questo essenziale della condizione umana, l’eguaglianza e l’unicità.

Continua a leggere....

Mostra su Don Luigi Giussani

In occasione del decimo anniversario della morte di don Giussani, Comunione e Liberazione ha realizzato la mostra "Dalla mia vita alla vostra" che presenta, in pochi pannelli, i tratti fondamentali di don Giussani, con immagini e brani significativi della sua vita.

Continua a leggere...



Mostra iconografica: Cosa nutre la vita?

AIC segnala la mostra "Cosa nutre la vita? Iconografia cristiana e cibo tra Varesotto e Canton Ticino" a cura di Francesca Urizzi, Paola Viotto, Sara Poretti e Laura Bonicalzi in occasione di Expo 2015. Nel cristianesimo il cibo occupa un ruolo assai rilevante a partire dalla stessa narrazione evangelica: il bisogno del cibo rimanda metaforicamente al bisogno di soddisfazione e compimento che costituisce la natura umana nella sua essenza. Il tema di Gesù che provvede a sfamare l'uomo evidenzia infatti non solo l'attenzione di Dio ai nostri bisogni concreti, ma, con l'istituzione dell'Eucaristia, il Suo sacrificarsi per fornirci l'unico vero pane che possa sfamarci. Un simile percorso costituisce realmente una grande occasione di valorizzazione dei beni culturali, artistici e religiosi dei nostri territori dove sarebbe possibile costituire dei veri e propri itinerari.

Continua a leggere...


Meeting Mostre: L’attualità di Peguy

Newsletter Meeting Mostre - Febbraio 2015

«Tutti quelli che hanno visitato la mostra su Charles Péguy, “Storia di un’anima carnale. A cent’anni dalla morte di Charles Péguy” raccontano con entusiasmo di aver scoperto un mondo. Giovani che Péguy, come la maggior parte dei loro coetanei italiani, non sapevano neanche chi fosse. Giovani universitari che magari qualcosa sapevano. Gente meno giovane che di Péguy conosce i brandelli di scritti che si leggono il Venerdì Santo nelle Vie Crucis. Hanno scoperto un mondo di umanità e di pensiero sorprendente. E sorprendentemente attuale ».

Continua a leggere...

Expo 2015: Meeting mostre

Expo Milano 2015, l’Esposizione Universale che l’Italia ospiterà dal primo maggio al 31 ottobre 2015 sarà il più grande evento mai realizzato sull’alimentazione e la nutrizione. Per sei mesi Milano e tutta l’Italia diventeranno una vetrina mondiale in cui i Paesi mostreranno il meglio delle proprie tecnologie per dare una risposta concreta a un’esigenza vitale: riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri. Sarà la piattaforma di un confronto di idee e soluzioni condivise sul tema dell’alimentazione, stimolerà la creatività dei Paesi e promuoverà le innovazioni per un futuro sostenibile.

Continua a leggere...

Mostra Itaca: E vide che era cosa buona

La mostra "E vide che era cosa molto buona. Il dono della vita, la vita come dono" prodotta da Itaca in collaborazione con AIC e il sostegno del Gruppo bancario Credito Valtellinese con il patrocinio dell'Arcidiocesi di Milano, del Progetto Culturale della CEI e della Libreria Editrice Vaticana, vuole essere un contributo alla riflessione aperta dal cardinale Scola con il suo testo Cosa nutre la vita. Expo 2015 (Centro Ambrosiano Editore, 2013). ll filo rosso che percorre la mostra è racchiuso nel titolo, tratto dal racconto biblico della creazione: “E vide che era cosa molto buona”. Il creato c’è non come dovuto, ma come dato. Di qui discende lo stupore originario di fronte all’essere. Non solo: Dio non crea il mondo e l’uomo abbandonandoli a se stessi, ma in una relazione dinamica di amore.

Continua a leggere...

Mostra Meeting su don Bosco

AIC segnala la mostra La Società dell'allegria. L'Oratorio di Don Bosco: "Questa è la mia casa!", realizzata in occasione della manifestazione “Meeting per l’Amicizia fra i popoli”, anno 2014 a cura di Davide Cestari, Miriam Grandi. Con la collaborazione di Giovanni Barrani, Daniele Ciacci, Luca Fiorin. Illustrazioni di Anna Formaggio.
«Noi facciamo consistere la santità nello stare molto allegri». Questo motto di don Bosco è il cuore pulsante della mostra dedicata a lui e al “suo” oratorio.
«Questa è la mia casa» è l’iscrizione che campeggia sulla porta della povera casa di san Giovanni Bosco ai Becchi in Piemonte, a una ventina di chilometri da Torino. Può sembrare una frase banale, per indicare le quattro mura dove è nato e vissuto per i primi anni. In realtà queste parole dicono tutta la semplicità con cui si sono svolti i fatti miracolosi di una vita toccata dal Mistero in modo straordinario. Ed è proprio qui il miracolo: nella quotidianità di rapporti familiari è nata la storia del “saltimbanco” che diventò sacerdote e abbracciò migliaia di giovani in tutto il mondo.

Continua a leggere...


Tre mostre per il Giorno della Memoria

"Mai più questi orrori, vergogna per l'umanità", ha scritto Papa Francesco lo scorso anno in una lettera inviata al suo amico, rabbino di Buenos Aires, Skorka, in occasione del Giorno della Memoria, ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione delle vittime dell'Olocausto.
In occasione di questo evento Meeting Mostre propone alcuni titoli, come strumenti didattici e occasione di approfondimento.

Continua a leggere...

Mostra Camillio de Lellis

In occasione dei 400 anni dalla morte di san Camillo De Lellis, fondatore dei Ministri degli Infermi, patrono dei malati e degli operatori sanitari, Aic riproporne la mostra del Centro Culturale Jacques Maritain di Chieti" Camillo de Lellis, l'incantevole verità".
La mostra si compone di pannelli che espongono i tratti salienti della vita e dell’opera di San Camillo, evidenziandone peculiarità e grandezza che hanno fatto del nostro Santo l’iniziatore di una nuova scuola di carità. Abbiamo individuato nel concetto di “cuore” (“Più cuore! Più anima alle mani!”) il fondamento solido di tale scuola di carità; fondamento antico, ma sempre nuovo nelle modalità in cui si realizza.

Continua a leggere...

Mostra Explorers

La mostra del Meeting in versione itinerante

AIC segnala la mostra itinerante "Explorers" realizzata al "Meeting per l'amicizia fra i popoli", 2014 a cura dell'Associazione Euresis. Ricercare ciò che non si conosce è un tratto profondamente radicato nella natura umana. Sin dalla preistoria gli esseri umani hanno progressivamente espanso i confini del loro ambiente, spesso esponendosi a grandi rischi, alla ricerca di territori inesplorati. Gli antichi navigatori solcavano gli oceani alla scoperta di nuove terre e di mari sconosciuti. Anche in assenza di vantaggi prevedibili, l’esigenza di esplorare il mondo è stata sempre viva, motivata da una segreta attrattiva per tutto ciò che esiste. Il nostro innato bisogno di novità rappresenta una continua sollecitazione ad “andare oltre”, a essere aperti all'incontro con l’inaspettato, con lo sconosciuto, con “l’altro” – sia questo un’altra persona, un continente ignoto, un nuovo pianeta.

Continua a leggere...


Jannacci-Guareschi. Mondo Piccolo Roba Minima

11/09/2014 Le periferie esistenziali in Giovannino Guareschi e Enzo Jannacci, è la mostra presentata al Meeting di Rimini che può essere riadattata per alcune serate nei centri culturali grazie alla proiezione del filmato presentato a Rimini e all'intervento di uno dei curatori della mostra.

Continua a leggere...


Il centenario della Grande Guerra

La mostra "1914 - 2014 La guerra invisibile" intende indagare una materia fragile, delicata, vulnerabile e tuttavia preziosa e colma di significati che toccano intimamente i nostri tempi: la memoria di ciò che avvenne davvero nel mondo mentale di chi, cent'anni or sono, dovette partecipare a una guerra terribile, deflagrata nel cuore pulsante d'un Europa che pareva avviata verso un'era di sempre maggior prosperità e pace. La ricorrenza del centenario della Grande Guerra rappresenta un'occasione ineludibile per decodificare finalmente un evento ancora in gran parte incompreso, in qualche modo "invisibile". In esposizione cento opere di soldati e artisti testimoni (facenti parte della raccolta esclusiva dell'Associazione ArteGrandeGuerra), provenienti da tutti i fronti, da riferirsi in grande prevalenza a memorie recuperate: operazioni culturali ad un tempo faticose ed entusiasmanti, volte a trarre dall'oblio delle preziose testimonianze che erano a un passo dal disperdersi per sempre.

Continua a leggere...

La Mostra su Eugenio Corti

Una mostra itinerante sulla vita e sull’opera di un grande scrittore del Novecento: Eugenio Corti, capace di raccontare la grande epopea del Novecento facendo emergere la natura profonda di che cosa sia l’uomo ieri, oggi e sempre. La mostra è un’occasione per conoscere la vita e l’opera del grande scrittore, venuto a mancare lo scorso 4 febbraio nella sua casa a Besana in Brianza, è stato un grande protagonista della cultura italiana, capace di raccontare la grande epopea del Novecento facendo emergere la natura profonda di che cosa sia l’uomo ieri, oggi e sempre.

Continua a leggere...

Vita e destino. Il Romanzo della libertà

Ricorre nel 2014 il cinquantesimo anniversario della morte di Vasilij Grossman (1905-1964); scrittore russo, è autore di uno dei maggiori romanzi del XX secolo, “Vita e destino”.
Nell’opera di Grossman si evidenziano con chiarezza il valore irriducibile della libertà della persona e la sua opposizione alle ideologie (a partire dai totalitarismi del XX secolo).
L’opera di Grossman è sempre stata molto cara a don Giussani, fondatore del movimento di Comunione e Liberazione, che ha proposto a più riprese la lettura di “Vita e destino”, sottolineando la posizione di Grossman di fronte al reale, caratterizzata da una passione sincera per la libertà ed una posizione ultimamente positiva di fronte a tutte le circostanze della vita.

Continua a leggere...

Jannacci. Le sue canzoni a fumetti contro la povertà

Ricordare Enzo Jannacci. Lo fanno Caritas Ambrosiana, il giornale di strada Scarp de' tenis (promosso da Caritas) e Wow Museo del Fumetto, insieme ad artisti e cultori dell'opera di Jannacci, che propongono dal 17 ottobre l'iniziativa "La mia gente. Enzo Jannacci, canzoni a colori", sostenuta da Fondazione Cariplo, Etica Sgr e Fondazione Sacra Famiglia. L'iniziativa, spiegano i promotori, "intende onorare l'artista milanese, scomparso a marzo, cantore, per mezzo secolo, della Milano e dell'Italia dei margini sociali: una mostra con 50 splendide tavole, disegnate da altrettanti, importanti fumettisti italiani, farà rivivere (anche nel catalogo edito da ReNoir, 64 pagine, 3 euro) i personaggi delle sue canzoni"

Continua a leggere...

Il Volto del Risorto

La mostra "Il Volto del Risorto", curata dal Centro Culturale Don Ettore Passamonti di Biassono (Mi), propone un percorso tra opere ed icone dei maggiori artisti dal '200 al '600 che aiutano a prendere coscienza che Cristo é veramente risorto. Egli é apparso più volte ad alcuni che hanno riconosciuto il suo volto, é presente oggi nell'Eucarestia, é incontrabile, esattamente come chi lo ha fisicamente visto, nella Chiesa, negli uomini e nelle circostanze di tutti i giorni.

La mostra comprende circa 30 pannelli suddivisi in cinque sezioni.

Continua a leggere...

Nessuno genera se non é generato

La Fraternità Sacerdotale San Carlo Borromeo riprende il tour di presentazioni della mostra “Nessuno genera se non è generato. Alla scoperta del padre in Omero, Dante, Tolkien”. Cos'é la paternità? A volte una guida, altre una ferita, altre ancora una presenza lontana che riempie la vita di nostalgia. Forse tuo padre ti ha insegnato a lavorare, a lottare per ciò che vale. Forse ti ha insegnato ad andare in bici o ti ha portato al mare per la prima volta. Forse ti ha indicato altri padri che ti hanno condotto più in là di dove lui poteva portarti. Da tremila anni gli scrittori ne parlano.


Continua a leggere...