Seguici su:

In evidenza

#meeting18 è già partito!

Iniziamo a riflettere sul titolo della XXXIX edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli che si terrà nella Fiera di Rimini dal 19 al 25 agosto 2018 e che recita: "Le forze che muovono la storia sono le stesse che rendono l’uomo felice".

Chi muove davvero la storia e quali sono le forze che rendono l'uomo felice?
E' già stato chiesto ad alcuni ospiti e amici del Meeting di confrontarsi con il titolo della nuova edizione.

Il primo contributo è di Fausto Bertinotti: "Penso che si possa partire dall’esperienza umana nella costruzione di una comunità che si proponga di cambiare il destino dell’uomo", racconta il presidente della Fondazione Cercare Ancora, che definisce il titolo una “formula particolarmente ambiziosa”.
VEDI IL VIDEO

Il commento del nunzio apostolico Silvano Maria Tomasi al titolo del #meeting18: "Un titolo attraente che tocca un punto nevralgico della situazione contemporanea"
VEDI IL VIDEO

Francesca Meneghetti, neopresidente della Scuola di Cultura cattolica di Bassano del Grappa, ha così commentato il titolo del #meeting18: "Le forze che muovono la storia credo possa significare anche che la storia non è un meccanismo predeterminato, già prestabilito".
VEDI IL VIDEO

"Tra le forze che muovono davvero la storia perché operano un reale cambiamento nel cuore dell’uomo c’è in primo luogo il perdono." A ricordarcelo, nel suo commento al titolo del #meeting18, è Antonio Olivié, ceo dell’agenzia di stampa internazionale Rome Reports.
VEDI IL VIDEO

Il titolo del #meeting18 "è molto interessante, perché è importante per ogni credente trasmettere la felicità che si trova dentro ogni uomo nella società in cui vive". Il contributo di Aziz Hasanovic, Gran Muftì di Croazia.
VEDI IL VIDEO

"Il desiderio muove il cuore dell’uomo. «È qualcosa che il potere guarda sempre con sospetto ma determina i destini degli uomini, del singolo, anche della nazione, è il protagonista della storia, nonostante il potere". Così Alessandro Banfi, giornalista di Mediaset, ha commentato il titolo del #meeting18.
VEDI IL VIDEO

Un nuovo contributo sul titolo del #meeting18 arriva da Remi Brague. Filosofo francese, classe 1947, esperto di cultura islamica, ebraica e cristiana nonché profondo conoscitore del mondo greco e romano. Commentando la frase scelta come tema della prossima edizione si è così espresso: "Le forze che muovono la storia, anche se si presentano come “soft”, non possono fare il bene dell'uomo, e quindi renderlo felice, a meno che agiscano per amore. Accettando cioè di essere deboli". LEGGI IL TESTO COMPLETO

"Guardare ciò che muove il cuore umano", il contributo di Aleksandr Filonenko al titolo del #meeting18.
VEDI IL VIDEO