Seguici su:

In evidenza

"Dov'è Dio?" di Julián Carrón

AIC segnala il libro "Dov'è Dio? La fede cristiana al tempo della grande incertezza. Una conversazione con Andrea Tornielli" di Julián Carrón, (Piemme, 2017).
Si può ancora incontrare Dio nella "società liquida"? La secolarizzazione e la scristianizzazione dell'Occidente sono segno della fine dei tempi o soltanto della fine di un'epoca e dell'inizio di un'altra? La società plurale e relativista è il nemico da combattere innalzando barriere e muri oppure può diventare l'occasione per annunciare il Vangelo in modo nuovo? La fine della civiltà cristiana e la difficoltà a trovare un comune denominatore nei "valori" e nella morale "naturale" segnano l'impossibilità di un dialogo tra credenti e non credenti o richiedono che questo sia proposto in forme nuove? Di fronte a una situazione che per certi versi assomiglia a quella degli inizi del cristianesimo, chi crede in Gesù come è chiamato a vivere?

Don Julián Carrón è da dodici anni alla guida del movimento di Comunione e Liberazione. Ha avuto il compito non facile di raccogliere il testimone da don Luigi Giussani, il quale, pur non avendo inteso «fondare niente», diede vita a un movimento che come tutte le realtà nuove ha fatto e fa discutere. In questo suo primo libro-intervista dialoga con il vaticanista Andrea Tornielli, non tanto con l'obiettivo di affrontare i temi più spinosi e interni alla vita di CL e della Chiesa, che pure non mancano in questo libro con domande e risposte scomode, ma anzitutto per raccontare qual è lo sguardo del movimento sul momento storico che stiamo vivendo, per riproporre - senza linguaggi autoreferenziali o per addetti ai lavori già "fidelizzati" - quale sia il nucleo essenziale della fede cristiana. Con particolare attenzione alla dinamica con cui il cristianesimo si è comunicato e si comunica.

Il dialogo schietto che il lettore troverà in queste pagine non è una biografia di don Julián Carrón e neppure un saggio sulla realtà ciellina. Rappresenta piuttosto il tentativo di porre e suscitare domande, per scoprire o riscoprire i contenuti del cristianesimo, chiedendosi se e come possano essere interessanti e nuovamente testimoniati in una società non ancora post-cristiana, ma già ben avviata a diventarlo.

LEGGI
dal sito di Comunione e Liberazione un'anticipazione del libro "Dov'è Dio?", il libro-intervista di Julián Carrón con Andrea Tornielli, vaticanista de "La Stampa".

Autore Julián Carrón
Titolo Dov'è Dio?
Collana Religione
Serie Religione e Spiritualità
Pagine 216
ISBN 978-88-566-6182-8
ACQUISTA IL LIBRO


Rivedi il video dell'incontro della presentazione che si è svolta a Milano lo scorso 19 ottobre a Milano. Con gli autori hanno partecipato Adolfo Ceretti, Professore di Criminologia all'Università degli Studi di Milano Bicocca e Mauro Magatti, Professore di Sociologia all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Ha moderato Elisabetta Soglio, Responsabile di Buone Notizie Corriere della Sera.

Rivedi il video dell'incontro della presentazione che si è svolta a Roma lo scorso 9 novembre 2017. Con gli autori hanno partecipato monsignor Silvano Maria Tomasi, Nunzio Apostolico, membro del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale e Sabino Cassese, Professore emerito della Scuola Normale Superiore e Giudice emerito della Corte costituzionale. Ha moderato Roberto Fontolan, Direttore del Centro Internazionale di Comunione e Liberazione.


Approfondimenti
Leggi "Lontani dall'integralismo, Carrón detta la linea di CL" di Paolo Rodari (La Repubblica, 16 ottobre 2017)
Leggi "Un dialogo con Carrón: Alla fede oggi servono realismo e speranza" di Marina Corradi (Avvenire, 15 ottobre 2017)
Leggi "Carrón, la fede al tempo della grande distrazione" di Gianni Riotta (La Stampa, 15 ottobre 2017)
Leggi "La sfida della fede nel mondo contemporaneo" di Giovanni Santambrogio (Il Sole 24 Ore, 15 ottobre 2017)
Leggi "Don Julián Carrón, Dov’è Dio? Papa Francesco ripara ciò che Kant ha rotto” di Niccolò Magnani (ilSussidiraio.net, 15 ottobre 2017)
Leggi "Carrón: Papa Francesco è una cura alla modernità liquida" di Antonio Polito (Corriere della Sera, 15 ottobre 2017)