Seguici su:

In evidenza

Al via il concorso "Romanae Disputationes" a Milano, 20 ottobre

Il prossimo 20 ottobre alle ore 15.00 nell’Aula Magna dell’Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano ricomincia il cammino di Romanae Disputationes (RD). Migliaia di studenti di tutta Italia, in presenza e in diretta streaming da oltre 100 scuole, verranno introdotti al tema della V edizione del Concorso nazionale di filosofia per licei: “La natura del bello”. Ospite d’eccezione per questo evento sarà Elio Franzini, docente di estetica dell’Università Statale di Milano.

L’esperienza di RD, nata cinque anni fa da un’associazione di professori liceali e
universitari, è già cominciata con la pubblicazione delle videolezioni sul portale YouTube di docenti universitari che accompagneranno i team di ragazzi e docenti della scuola superiore a realizzare il loro contributo scritto o video per concorrere nello confronto filosofico più importante a livello didattico del nostro Paese.

Per la prima volta, per il triennio 2018-2020, RD è entrata nel registro delle attività di valorizzazione delle eccellenze degli studenti italiani del MIUR.

Le iscrizioni alla Lectio inaugurale sono aperte fino al 14 ottobre e, a seguire, sarà possibile iscriversi al concorso fino al 16 dicembre.

Il tema di quest’anno, “La natura del bello”, si propone di condurre la riflessione verso un’analisi di cosa sia la bellezza e dell’utilizzo che ne viene fatto nel mondo d’oggi. Viviamo circondati da cose belle e all’inseguimento di cose sempre più spettacolari, ma ne comprendiamo veramente il valore? Ne facciamo veramente esperienza?

Ragazzi di tutta Italia si confronteranno, guidati da autorevoli professori universitari, sul tema.

Per informazioni, interviste a ragazzi e docenti e per ulteriore materiale:
Gabriele Laffranchi - Ufficio stampa, 339 3320174, ufficiostampa@tokalonformazione.it

Romanae Disputationes lavora in collaborazione con Università Cattolica del Sacro Cuore, Istituto Toniolo, Camplus, Loescher editrice, Laterza scolastica, Diesse Cineteca di Bologna, Fondazione De Gasperi, Fondazione RUI e con il patrocinio di Università di Bologna e Università di Padova.