Seguici su:

Eventi

Rho (Mi): Hannah Arendt

Proiezione del film di Margarethe Von Trotta

L’Associazione Vita e Destino, con il patrocinio del Comune di Rho Assessorato alla Cultura, invita alla proiezione del film "Hannah Arendt", con la regia di Margarethe Von Trotta e prodotto in Germania nel 2012, con Barbara Sukowa, Axel Milberg, Janet McTeer, Michael Degen.

La Arendt, ebrea tedesca scampata durante la guerra a un campo di concentramento francese e poi trasferitasi a New York dove vive e insegna come docente universitaria, è una stimata intellettuale, punto di riferimento per la comunità ebraica e non solo.

Va come corrispondente del New Yorker a seguire il processo ad Adolf Eichman, uno dei più crudeli nazisti responsabile dello sterminio degli ebrei che, nel 1961, viene catturato dai servizi segreti israeliani a Buenos Aires dove si nasconde e portato a Gerusalemme.

Fedele alla ricerca della verità scopre, rimanendone sconvolta lei stessa, che Eichmann non è il mostro che tutti vorrebbero ma, semplicemente, un mediocre burocrate che ha rinunciato ad esercitare il giudizio della ragione e del cuore per eseguire con precisione meticolosa ordini altrui.

Proprio in questa rinuncia a sé e nel distacco dalla realtà che ne consegue, si annida la vera radice del male a cui ci si può assuefare e "comodamente" abituare.

È il nulla”. Questa considerazione diventa il cardine del suo pensiero e del lungo articolo che scriverà per il New Yorker: il male introdotto in Occidente dal totalitarismo non è più radicale e profondo, ma frutto dell’opera di gente priva di pensiero che ha rifiutato di essere umana; non si spiega quindi con l’egoismo di chi lo compie, ma con la volontà di privare l’uomo di senso e di renderlo superfluo.

A queste valutazioni e a ciò che lei definisce la “banalità del male”, gli intellettuali anche ebrei del suo tempo reagiscono con veemenza: non accettano quella lettura scomoda e per niente rassicurante che il male, se non compreso alla radice, può ripetersi e chiunque può commetterlo, fino al culmine della più efferata bestialità senza neppure rendersene conto, quando rinunci abitualmente ad usare ragione, cuore, affettività.
(Associazione Vita e Destino)

Quando

Dove

Organizzato da