Seguici su:

Eventi

Gallarate (Va): Postcristianesimo

Conversazione con S.Em. Card. Angelo Scola

Il Centro Culturale “Tommaso Moro” in collaborazione con l'Istituto "Sacro Cuore" Scuola Paritaria e il Decanato di Gallarate ha organizzato l'incontro "Postcristianesimo? Né rimpianto per un passato che non tornerà più, né lamento per le difficoltà del presente", conversazione con S.E. card. Angelo Scola.
La crisi in Occidente è innanzitutto la crisi della religione, anzi più precisamente di una religione, o meglio dell'interpretazione culturale predominante che essa aveva assunto nel corso del Medioevo: è la crisi della cristianità sacrale, che dopo la Riforma si divide in due opposti schieramenti, impegnati a combattersi in una serie di guerre devastanti per il continente. I primi passi della Filosofia moderna possono essere letti, tra l'altro, anche come il tentativo di preservare l'universale del cristianesimo senza il cristianesimo.
Il risultato fu una radicale messa in discussione del valore universale della singolarità cristiana. Mentre la fede veniva ridotta a una qestione privata, facevano la loro comparsa altri universali secolarizzati: la Scienza, la Religione, il Diritto, la Storia, poi più rozzamente la Razza, La Classe o il Mercato. La critica che questi universali mossero alla religione ebbe effetti devastanti per la religione stessa e, se da una parte tale critica non pùò essere liquidata attraverso un improponibile ritorno all'antico, dall'altra però risulta oggi evidente che questi universali secolarizzati non hanno mantenuto la loro promessa.
Viene da qui, in Occidente, un certo ritorno del religioso, ma soprattutto un atteggiamento di "gaia rassegnazione", una rinuncia compiaciuta alla ricerca di senso (significato e direzione) della propria esperienza.
E questo finchè non è scoppiata la crisi economico-finanziaria che ci ha privato della gaiezza per lasciarci soltanto la rassegnazione.
Di fronte alla progressiva riduzione della pratica cristiana, una volta crollato il cristianesimo di convenzione che innervava l'intera società occidentale, Cristo e la Sua Chiesa hanno ancora qualcosa da comunicare alla speranza dell'uomo postmoderno?
Se il cristianesimo non sa interloquire adeguatamente e teme di mettersi "alla scuola" delle domande dell'uomo per accogliere e spalancarle, è destinato a essere un postcristianesimo, una sorta di anestetico troppo debole e ormai inutile per affrontare il travaglio del nostro tempo.

SCARICA LA LOCANDINA IN FORMATO PDF

Rivedi il video dell'evento

Quando

Dove

Organizzato da

Personaggi