Seguici su:
  • Ravenna: Cantare la speranza in dodici lingue

    Incontro con Raymond Bahati

  • Cucciago (Co): Turchia. Tra incertezza e speranza

    Incontro con mons. Paolo Bizzeti e Domenico Quirico

  • Ascoli Piceno: La bellezza disarmata

    Presentazione del libro di don Julián Carrón

  • Milano: L’esperienza delle Carceri Apac

    Convegno di presentazione della Mostra

  • Muggiò (MB): Venezuela.

    Cosa accade in America Latina?

  • Centri Associati

    Estero
    Eventi
    La questione
    Come erano liberi quegli uomini

    Perché presentare questo libro? Innanzitutto lo spunto è venuto dall’aver assistito l’anno scorso alla presentazione dello stesso al Meeting di Rimini; averlo poi letto ci ha confermato ulteriormente sulla bontà di questa proposta, non per fare una lezione di storia sull’Europa dell’est prima della caduta del muro di Berlino, ma per “incontrare”, attraverso Annalia, gli “uomini” descritti nel libro, certi che queste figure potevano essere significative anche per noi…oggi.

    Janos Pilinszky su tutti, con il suo sorriso e la sigaretta in mano e la sua poesia “Conosco” citata nel libro della Guglielmi; don Francesco Ricci insieme a Josef Zverina, Vaclav Havel, Lech Walesa e il meno conosciuto, sebbene altrettanto importante per la storia della Cecoslovacchia, Vaclav Benda; Tadeusz Mazoiewski e la personalità sorprendentemente timida e mite di padre Jerzy Popieluzsko “che non faceva presagire affatto quello che doveva accadere di lì a qualche anno”(p. 54); il “paranoico”...

    Iscriviti alla newsletter Resta aggiornato sull'attivita' di AIC
    Una strana compagnia di Luigi Giussani

    E' disponibile in tutte le librerie "Una strana compagnia" di Luigi Giussani, a cura di Julián Carrón, Bur Edizioni. E' il primo volume della nuova serie Bur “Cristianesimo alla prova”, in cui si riproducono le lezioni e i dialoghi di don Luigi Giussani durante gli Esercizi spirituali della Fraternità di Comunione e Liberazione, a partire dal 1982, anno del riconoscimento pontificio.

    Dona il tuo 5x1000 ad AIC

    E' possibile sostenere l'Associazione Italiana Centri Culturali con la scelta del 5X1000. I singoli cittadini possono devolvere il 5 per mille della propria imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) al sostegno delle attività socialmente rilevanti di enti del Terzo Settore e associazioni non profit. Un aiuto concreto che non costa nulla.

    AIC consiglia